Converter modulare alta dinamica 144 - 28 MHZ

trv144.jpg (304116 byte) Premetto subito che questo progetto non e' farina del mio sacco ma il tutto e' stato preso da varie pubblicazioni uscite su Radio Rivista negli ultimi anni firmate I0FTG Giuseppe Gristina. Il progetto e' piuttosto lungo da preparare e purtroppo non posso dedicare tutto il tempo che vorrei a questa trattazione per cui mi scuso in anticipo se il tutto rimarra' in sospeso a lungo. I numeri di Radio Rivista dove Ŕ presentata la versione originale di questo convertitore sono: RR 1/93, RR 11/98. Il progetto originale comprende anche la parte di trasmissione ma, dato che io posseggo un rtx all mode per la gamma dei 2 metri, ho pensato di sfruttare solo la parte ricevente del transverter per godere di tutti i vantaggi offerti dall apparato HF in ricezione. Forse non tutti saranno daccordo con me su questo argomento. Il ricevitore di un apparato HF e' progettato per poter operare in bande molto affollate e con segnali adiacenti molto forti, in presenza di segnali forti in ingresso non si imballa (non intermodula) ha tre conversioni per cui e' molto selettivo,ha la possibilitÓ di montare filtri per il CW, ha vari sistemi per la soppressione dei disturbi ecc. Queste caratteristiche difficilmente si trovano in apparati nati per le VHF e UHF salvo magari quelli molto costosi (sinceramente non conosco le caratteristiche di un IC970 dato che e' ampiamente fuori dalla mia portata). Di solito un apparato allmode VHF, come il mio TR751 Kenwood, ha una sola conversione e, sebbene sia molto sensibile, ha il difetto che ricevendo segnali forti o con segnali adiacenti forti intermodula. Sopratutto durante i contest questo fenomeno si fa sentire a tal punto che e' praticamente impossibile ricevere qualsiasi segnale.

 

 

Sopra un immagine del mio converter. Si nota bene la costruzione MOLTO artigianale. La ventola serve per tenere costante il calore prodotto dal transistor finale dell oscillatore locale. La scatoletta che rimane in primo piano e' un attenuatore variabile in serie all'uscita verso il transceiver HF che uso, in presenza di segnali  molto forti, per non saturare l'ingresso a 28MHz.  

Il convertitore si compone di 4 moduli: FRONT-END, MIXER-DIPLEXER, OSCILLATORE LOCALE, AMPLIFICATORE 28MHz