AMPLIFICATORE PER I 23 CM CON GS34

RAFFREDDATO AD ACQUA

Il tubo GS-34 e' un triodo di provenienza ex URSS con frequenza di lavoro dichiarata fino a 3 GHz. Esiste in versione senza dissipatore con sigla GS-34 o con dissipatore da 50mm, GS-34-1 e da 25mm, GS-34-2. La casa dichiara un guadagno tipico di 15dB.

GS-34       GS-34-1

Per il datasheet cliccare sull'immagine.

In alto il disegno originale della cavitÓ di Alex RW1AW. L'amplificatore e' costituito da una cavitÓ coassiale di anodo ed una di catodo. L'amplificatore che ho realizzato rispecchia le dimensioni riportate nel disegno. Le prime prove le ho eseguite provando il raffreddamento forzato ad aria. Ho utilizzato una ventola che butta aria sul dissipatore anodico, una seconda che butta aria fresca dentro la cavitÓ di anodo, la quale tramite dei fori, passa all'interno dei vari tubi fino ad uscire posteriormente. Inoltre per aiutare l'uscita dell'aria ho utilizzato una ventolina per computer che aspira dall'interno della cavitÓ di catodo.

I risultati ottenuti sono stati buoni come resa ma con grossi problemi di stabilitÓ in temperatura. Con 5W in ingresso ho ottenuto circa 220W out. Anodica 2000V e circa 300mA di assorbimento.

Purtroppo, il  sistema di raffreddamento ad aria forzata, si e' rivelato alquanto inefficente, dato che la variazione termica era tale che in pochi secondi , l'accordo di anodo si spostava drasticamente portando la potenza in uscita dal massimo fino a 0. Ho notato che la valvola tende a scaldarsi molto alla base dell'anodo ed il suo dissipatore da 50mm non riesce ad estrarre il calore, che rimane localizzato in quel punto aumentando sempre di pi¨. In queste condizioni le geometrie interne degli elementi della valvola subiscono delle lievi distorsioni meccaniche che determinano variazioni delle capacitÓ interne della valvola piccole ma significative per la tenuta dell'accordo, dato che la cavitÓ ha il fattore di merito Q alto.

Ho pensato allora che dovevo provare il raffreddamento ad acqua per vedere di risolvere i problemi descritti sopra. Il problema principale era di realizzare il cappuccio della valvola a tenuta stagna. Io col tornio non ci so tanto fare, cosi', ho preso spunto dalla realizzazione di RW1AW ed ho costruito quello che si vede nell'immagine.

Durante la costruzione.....

L'impianto di raffreddamento e' semplice, ho preso una pompa sommersa per acquari, una vaschetta per alimenti con una capienza di 6 litri ed un piccolo radiatore prelevato da una fiat Ritmo demolita. La pompa ha una capacitÓ di 200l/ora.

La cavita' con in primo piano il prelievo d'uscita. Il tubo rosso sopra la cavitÓ immette aria fresca che esce dalla parte dietro per raffreddare la parte griglia-catodo.

Vista dell'alimentatore e sopra la vaschetta dell'acqua.

Come si presenta il contenitore con a fianco il radiatore. Nell'impianto di raffreddamento circolano circa 5 litri di acqua distillata.

Purtroppo per˛ il problema della deriva termica Ŕ rimasto anche se un p˛ meno evidente. I 220 Watt stavolta li mantiene per circa 20 secondo poi l'accordo se ne va.... Lo stesso problema lo ha avuto anche Mats KD5FZX nel amplificatore per i 33cm (http://www.nd2x.net/kd5fzx-gs34.html) e mi ha confermato che questa valvola poco si presta a lavorare su queste frequenze.

Non tutto e' perduto...ho abbassato il valore della tensione anodica a 1800V ed ho portato il bias a 100mA. Con questi valori ho in uscita 150W (sempre con 5W in input) stabili per oltre 1 minuto e comunque  la variazione di potenza si e' ridotta notevolmente. Sono in possesso anche di una GS15, un tetrodo che da quanto ho letto, e' molto piu' adatto a lavorare in 23cm. Penso che sarÓ l'oggetto della prossima realizzazione.